IL VIAGGIO - THE JOURNEY

 
Titolo Originale: THe Journey
Paese: UK
Anno: 2016
Regia: Nick Hamm
Sceneggiatura: Colin Bateman
Produzione: Greenroom Entertainment, Tempo Productions Limited
Durata: 94
Interpreti: Timothy Spall, Colm Meaney, Freddie Highmore, John Hurt, Toby Stephens, Ian Beattie

Dopo 40 anni di lotte i due leader politici dell’Irlanda del Nord, il predicatore protestante Ian Paisley e il repubblicano Martin McGuinness, si incontrano a St. Andrews, in Scozia, per discutere uno storico accordo di pace, ma le trattative non riescono a procedere. Un imprevisto viaggio in macchina li costringerà a trascorrere molte ore insieme e diventerà l’occasione per instaurare una inattesa relazione di amicizia che porterà a un futuro di pace.

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Il film propone una sapiente riflessione politica e umana sull’esigenza dell’apertura al dialogo e la disponibilità ad un ascolto reciproco che, senza voler annullare le fondamentali differenze, si impegna a cercare punti di contatto per raggiungere un comune obiettivo e superare le divisioni soprattutto quando il perdono diventa troppo difficile da chiedere e offrire
Pubblico 
Tutti
Giudizio Tecnico 
 
Un’ottima sceneggiatura che riesce a semplificare senza banalizzare un argomento politicamente assai complicato; una intensa e credibile interpretazione da parte dei due protagonisti principali; una sapiente scelta degli ambienti che diventano lo spunto e il luogo accogliente in cui sviluppare dialoghi brillanti e avvincenti

Due politici, due acerrimi nemici, in guerra tra loro da più trent’anni hanno poco più di 60 minuti per arrivare ad un accordo che porti una pace in grado di durare nel tempo, con The journey, Il viaggio, lo sceneggiatore Colin Bateman e il regista Nick Hamm portano all’attenzione del pubblico mondiale il momento di svolta nella trattativa di pace di St. Andrews in Scozia del 2006. Una narrazione brillante, che oscilla tra humor e dramma, per raccontare uno dei più cruciali passaggi della recente e complessa storia irlandese.

Il mondo li ricorda ironicamente come i “Chuckle Brothers” (originariamente una nota coppia di comici britannici), erano Ian Paisley, il carismatico predicatore protestante che portò al successo il suo partito e diede vita al nascente governo dell’Irlanda del Nord, e Martin McGuinness, capo di stato maggiore dell’IRA (Esercito Repubblicano Irlandese) dal 1979 al 1982 che fu tra gli artefici dei negoziati di pace che si conclusero nel 1998 con gli accordi del Venerdì santo. Il breve e inaspettato viaggio che compirono insieme nel 2006, costituì l’occasione per stringere una improbabile quanto sorprendente amicizia che portò all’unione dei due stati dell’Irlanda all’interno della quale per alcuni anni i due ricoprirono rispettivamente le cariche di Primo Ministro e Vice Primo Ministro.

The journey, Il viaggio, ricostruisce le elaborate linee e i nodi cruciali di un complicato e teso panorama politico attraverso il racconto della nascita di questa singolare amicizia. Senza cedere ad uno romanticismo scontato ma senza nemmeno presentare un asettico resoconto storico, il film riesce a portare alla comprensione di tutti un momento di svolta nel processo di pace dell’Irlanda che trova le sue fondamenta non tanto in una vera e propria amicizia quanto nella progressiva apertura al reciproco ascolto e alla disponibilità a comprendere le ragioni dell’altro.

Ian Paisley (Timothy Spall) e Martin McGuinness (Colm Meaney) sono due personaggi agli antipodi; il primo è un predicatore fervente protestante, l’altro un capo dichiarato dell’IRA. Ian e Martin rappresentano le due fazioni contrapposte di un unico popolo, quello irlandese, diviso in se stesso. Per quasi trent’anni sono stati i protagonisti di una sanguinosa guerra civile in cui le ragioni delle due parti si sono manifestate attraverso attacchi violenti e rigide risposte repressive. Senza cercare capri espiatori l’incontro di questi due leader costituisce l’occasione per raccontare e superare gli errori spesso molto gravi della politica passato.

A St. Andrews nel 2006 le trattative di pace tra il Primo Ministro Tony Blair e il leader Irlandese Bertie Ahern si trovano ad un punto di stallo proprio a causa di Paisley e McGuinness che si rifiutano di parlare tra loro. I due protagonisti sono però costretti dalle circostanze a intraprendere un viaggio in macchina insieme per raggiungere l’aeroporto di Edimburgo. In realtà Martin spera di riuscire a passare del tempo solo con Ian per aprire una finestra di dialogo, ma quest’ultimo si chiude in un rigoroso silenzio. Intanto l’agente dei servizi segreti Harry Patterson di nascosto monitora la situazione a distanza attraverso il giovane collega Jack che si finge l’autista dell’hotel a cui viene affidato il compito di accompagnare i due leader politici.

Jack decide di fare un’improvvisa deviazione e di addentrarsi in un parco nazionale per spingere Ian e Martin a parlarsi. La suggestiva natura scozzese e una chiesa abbandonata nei pressi di un cimitero sono gli ambienti che fanno riaffiorare alla mente dei due leader le dolorose ferite di una un passato fatto di inconciliabili divisioni. I due politici iniziano per la prima volta a rivolgersi la parola. Lentamente, anche se sanno che non potranno mai giungere ad un accordo su certi argomenti, comprendono che la sola strada per conquistare la pace sta nello smettere di cercare reciprocamente torti e ragioni e assumere un atteggiamento improntato verso il futuro.

Le ore che trascorrono insieme consentono ai due uomini di scoprire che, al di là dell’odio e dei rancori che li separano, ci sono molti elementi che li accomunano: il profondo dolore per i martiri caduti, il desiderio di dare voce alle ragioni del proprio popolo e al tempo stesso l’enorme difficoltà nell’offrire e chiedere perdono, unita alla speranza di giungere ad una tregua che porti ad una pace duratura. Ian e Martin, sebbene profondamente diversi e decisi a non voler cambiare la propria identità, comprendono, ciascuno a modo suo, che, dopo trent’anni di lotte e massacri, il dialogo e il reciproco ascolto sono la sola vittoria possibile, la sola strada per la costruzione della pace.

The journey, Il viaggio è una commedia drammatica che mischia sapientemente ironica leggerezza e intenso realismo tutta giocata sulla relazione tra i due interpreti principali, Timothy Spall e Colm Meaney, che compongono un ritratto assolutamente credibile di due complesse figure politiche. 

Autore: Vania Amitrano


Share |