IN VIAGGIO CON JACQUELINE

 
Titolo Originale: La vache
Paese: FRANCIA
Anno: 2016
Regia: Mohamed Hamidi
Sceneggiatura: Alain-Michel Blanc, Fatsah Bouyahmed e Mohamed Hamidi
Produzione: Quad Productions
Durata: 91
Interpreti: Fatsah Bouyahmed, Lambert Wilson, Jamel Debbouze

Fatah è piccolo coltivatore algerino profondamente affezionato alla sua mucca Jacqueline. Fatah ha un sogno: portare Jacqueline a Parigi per farla partecipare alla competizione del Salone Internazionale dell'Agricoltura. Un giorno finalmente riceve l'agognato invito e con il sostegno dei compaesani si mette in viaggio verso la Francia per raggiungere Parigi. Per l’uomo e il suo quadrupede comincia un lungo, faticoso e imprevedibile viaggio a piedi attraverso tutta la Francia durante il quale i due singolari protagonisti avranno modo di fare incontri di ogni genere

Valutazioni
Valori e Disvalori 
 
Solidarietà, amicizia, fedeltà ai valori coniugali e alle responsabilità familiari sono le fondamenta su cui poggiano un po’ tutti i personaggi del film, in modo straordinariamente singolare il protagonista, il cui modo di essere diverte enormemente ma al tempo stesso desta anche una certa ammirazione
Pubblico 
Tutti
Giudizio Tecnico 
 
Un montaggio sorprendentemente bilanciato, una sceneggiatura semplice ma coinvolgente, divertente e commuovente e un’interpretazione convincente e credibile.

In un sperduto piccolo paese rurale dell’Algeria vive Fatah, un semplice contadino, con la sua giovane moglie, le sue due dolcissime figlie e la sua splendida vacca Jacqueline. I produttori di Quasi amici investono su altro film, simpatico e delicato che commuove e diverte senza diventare mai banale. In viaggio con Jacqueline di Mohamed Hamidi arriva in Italia dopo aver raccolto un sorprendente successo in Francia.

La storia di Jacqueline nasce da un’idea del regista in collaborazione con l’attore, protagonista del film, Fatsah Bouyahmed, tutti e due di origini algerine, che con ironia e garbo hanno realizzato una storia toccante e allegra. In viaggio con Jacqueline è forse uno dei più sorprendenti road movie che si siano mai visti e colpisce per l’originalità un po’ stravagante sia dei due protagonisti, un povero contadino musulmano osservante e la sua vacca straordinariamente bella, sia per il loro percorso che parte da un lontano e sconosciuto paesino dell’Algeria per arrivare, praticamente quasi del tutto a piedi, ad una delle più affascinanti e raffinate capitali europee, Parigi.

Un personaggio più bizzarro di Fatah sarebbe difficile da immaginare. È un uomo poco istruito, dedito alla famiglia e al lavoro nei campi, ma con una insolita passione per la lingua francese, la cui pratica per lui è motivo di grande vanto, e per la propria vacca, che adora quasi come fosse un membro della sua famiglia. Il suo sogno è mettere insieme questi due interessi: Fatah desidera ardentemente poter presentare un giorno Jacqueline al concorso del Salone dell’Agricoltura di Parigi. I compaesani del piccolo villaggio in cui vive Fatah con la sua famiglia non comprendono queste sue velleità e lo scherniscono, ma quando finalmente arriva la lettera con cui il Salone accredita la vacca alla competizione nessuno si tira indietro e praticamente tutti offrono generosamente il proprio contributo per aiutare l’uomo a realizzare il proprio sogno. Inizia così per Fatah un viaggio insolito per mare e per terra in compagnia della sua amata vacca Jacqueline con cui vivrà inaspettate avventure, faticosi imprevisti e avrà modo di fare singolari amicizie. Seguito a distanza dai suoi familiari e compaesani, questi sembrano vivere in un mondo lontano anche nel tempo, ma nonostante tutto ciascuno di loro non gli fa mancare il proprio sostegno.

Quello di Fatah nei confronti della sua vacca Jacqueline potrebbe inizialmente sembrare un affetto oltre che bizzarro anche un po’ malsano, ma in realtà è il simbolo di una mentalità semplice ma pulita capace di resistere anche ad un mondo difficile da comprendere e in cui integrarsi. Perché Fatah, nonostante la sua passione per la vacca e nonostante i piccoli inciampi a cui va incontro, nutre un amore sconfinato e fedele nei confronti di sua moglie, della sua famiglia e della propria cultura di origine.

Il viaggio è in effetti la circostanza che fortifica Fatah in questo suo modo di essere, perché anche di fronte a qualche possibile frivolezza in cui cade a causa della sua eccessiva ingenuità, il piccolo contadino algerino resta saldo nelle sue scelte e nei suoi valori. Ad esempio a causa di un’ubriacatura, che non aveva cercato, all’inizio del suo viaggio incorre in una specie di piccolo tradimento coniugale, del quale però avverte fino alla fine del film tutto il peso e la negatività e del quale si pente con profonda e tenera costernazione cercando anche di porvi rimedio nella maniera più dignitosa possibile.

Con la sua semplice e genuina generosità in ogni circostanza Fatah riesce ad aiutare tutti coloro che incontra in modo quasi inconsapevole e spontaneo. Senza restare invischiato nel tranello della fama facile ma effimera che i media possono dare, il suo personaggio fa innamorare e sorprende al tempo stesso per restare sempre fedele a se stesso: buffo, tenero, ma anche forte e saldo nelle proprie convinzioni.

Con questa storia così tenera e insieme così grottesca il gruppo di sceneggiatori franco-algerini evita anche il rischio di incorrere in un fastidioso moralismo integralista perché riporta tutto ai comuni valori della famiglia, fatti di responsabilità e semplici gioie condivise anche nel poco, e dell’amicizia, come la solidarietà e la donazione disinteressata, attraverso i quali anche culture diverse come quella europea e quella algerina possono incontrarsi. Fatah, Philippe e Hassan infatti, sebbene molto diversi tra loro, troveranno una sorprendente e commuovente comunione di intenti che colpirà anche il pubblico più vasto.

Autore: Vania Amitrano


Share |