Settimana del 26 marzo 2017

Corso online su Famiglia e Media

E’ in partenza il primo corso on-line su Famiglia e Media, promosso dalla Pontificia Università della Santa Croce e da Familyandmedia.

Si tratta di 10 video lezioni che mettono a fuoco il rapporto tra famiglia e mass media, attraverso l'analisi dei contenuti più fruiti dal pubblico: film, serie tv, videogiochi, social networks, cronaca di attualità, romanzi, ecc. L’obiettivo è di creare la giusta consapevolezza tra genitori, insegnanti ed educatori, ma anche giovani e studenti per suggerire loro il modo corretto di costruire responsabilmente il nostro rapporto con i media. Alla realizzazione del corso ha attivamente partecipato anche www.familycinematv.it fornendo degli utili esempi su come i media (brani presi da film, da serial televisivi) possano costituire un valido strumento per trasmettere valori umani e familiari
Ecco il link della pagina di iscrizione al corso, dove troverai tutte le informazioni aggiuntive:

http://eventi.pusc.it/iscrizione/?ev=AFE-MAT4&lan=it

 

La più grande storia mai raccontata – FilmOro

In questo periodo di quaresima continuiamo ad analizzare film che hanno cercato di diffondere, con il cinema, il messaggio di Gesù. A George Stevens, un robusto regista di Hollywood (Il cavaliere della valle solitaria, Il gigante) fu affidato il compito di dire l’ultima parola sul cinema religioso, almeno nella forma di spettacolo kolossal. L’impegno fu enorme in termini di tempo impiegato, di famosi attori coinvolti, di spese fuori budget. Il risultato fu un prodotto molto curato, della durata di più di tre ore ma ma il pubblico non si mostrò interessato. Il film è rispettoso dei Vangeli e trasmette una grande spiritualità ma il risultato appare freddo, forse perché traspare troppo la volontà di realizzare qualcosa di solenne e ufficiale.

Non è un paese per giovani

Giovanni Veronesi ha pensato di riversare le testimonianze di tanti giovani raccolte in un programma radiofonico da lui diretto in un film che raccontasse la storia di tre giovani italiani che cercano di realizzare i propri sogni in un paese straniero. La prima parte del film sembra proprio voler denunciare questo fenomeno sociale in continua crescita ma poi si disperde in un puro divertimento avventuroso-turistico. I modi di interpretare il film possono essere due: la trama è sfuggita di mano a Veronesi oppure ha voluto denunciare una cruda realtà: molti giovani vanno all’estero non per cercare lavoro ma per continuare a vivere di sogni e  sottrarsi in questo modo dalle proprie responsabilità.

Slam – Tutto per una ragazza

Grazie alla penna di Nick Hornby, dal cui romanzo è tratta la sceneggiatura (il racconto viene però trasferito da Londra a Roma), l’età dell’adolescenza, soprattutto nel personaggio maschile di Samuele, viene ritratta con realismo, nelle sue fughe di pura fantasia o nelle sue fughe reali, quando il senso di oppressione per non aver nessuno con cui confidarsi diventa troppo alta. Peccato che il film sia condizionato da una sostanziale sfiducia nell’uomo, incapace di prendere in mano la propria vita, e che si limita a seguire agli impulsi del momento, senza cercare con coerenza la propria felicità. 

Buona lettura dalla redazione di

www.familycinematv.it